Cosa faremo quest'anno

Programmazione didattica 2019-2020

“Il paese delle meraviglie secondo me”

… “Se speriamo di vivere non semplicemente di momento in momento, ma realmente coscienti della nostra esistenza, la necessità più forte e l’impresa più difficile consiste nel dare un significato alla nostra vita…”

Lo psicoanalista Bruno Bettelheim, nel suo libro “Il mondo incantato” espone la convinzione che un ruolo essenziale per raggiungere questo scopo, soprattutto nelle prime fasi della vita, venga svolto proprio dalla narrazione, fondamentale per la formazione del bambino. Essa ha l’enorme capacità di arricchire l’esistenza del fanciullo, stimolando la sua immaginazione e il suo intelletto, chiarendo alcuni dubbi che egli può incontrare durante i primi anni di vita e proponendo soluzioni ai tanti problemi che lo assillano nel corso della sua evoluzione. Il pensiero narrativo ha la funzione di porre un po’ d’ordine nel caos interiore che contraddistingue la psicologia infantile permettendo al bambino di comprendere meglio se stesso e di percepire ed accettare la propria identità. Abbiamo così deciso di partire da un racconto inventato da noi per poi agganciarci alle parole di un libro molto famoso e finire con la creazione di un qualcosa di nuovo con l’aiuto dei bambini.Il nostro personaggio guida, un riccio di nome Libio amante della lettura, abita in un bosco. Il suo libro preferito è nascosto in un cassetto. Un giorno una streghetta dispettosa con un incantesimo farà sparire i libri di Libio e il ricordo del loro contenuto. Solo il libro nascosto si salverà ma ahimè aprendolo il nostro riccio scoprirà che alcune pagine sono state cancellate. Libio con l’aiuto dei bambini cercherà di riscriverlo. Il racconto tanto amato dal nostro amico e che farà da sfondo alla nostra progettazione sarà “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carrol, anche se Alice non comparirà mai nel racconto poiché verrà sostituita da ognuno dei nostri bambini. Il bambino sostituendosi ad Alice vivrà le sue avventure, si emozionerà, si stupirà, si scoprirà capace di prendere decisioni. Verremo condotti in un mondo fantastico e surreale dove tutto è vivo e dove incontreremo personaggi bizzarri e curiosi che ci permetteranno di riflettere su alcune tematiche.
Il Bianconiglio è colui che stimola la curiosità, la ricerca di qualcosa di nuovo sconfiggendo timori e paure. Il Cappellaio Matto rappresenta la peculiarità di ognuno di noi, ciò che ci contraddistingue non ci rende diversi ma speciali.
Il Brucaliffo simboleggia la crescita. Il bambino è un essere in divenire, che si deve formare e che deve fare esperienze per arricchirsi, per consolidare la propria identità.
Lo Stregatto raffigura il tema della scelta. Prima di prendere una decisione bisogna riflettere su quello che stiamo cercando e su quello che vogliamo ottenere. Ogni bimbo intraprenderà un viaggio, il suo viaggio, verso un “paese meraviglioso”: il suo paese delle meraviglie.

programmazione_didattica (3)
programmazione_didattica (2)
programmazione_didattica (1)